yant unisex

Ganesha
È il simbolo del primo Prosperità economica, intelligenza e successo sono le proprietà dello yant di Ganesha, la divinità indù che rappresenta il dio Brahma con la testa di elefante. La sua capacità di superare gli ostacoli lo ha reso una delle divinità preferite da tantissimi devoti, inclusi diversi personaggi pubblici.

Phra Mae Thorani beeb muay phom
Il nome dello yant della Madre Terra richiama un episodio in cui strizzandosi i capelli, con l’acqua che fuoriesce inonda tutti i nemici per liberare la terra dal male. La storia narra che la dea della terra, Phra Mae Thorani, abbia lottato fianco a fianco con Buddha per sconfiggere il re del male. Chi sceglie di farsi proteggere dalla dea della terra quando si trova in una situazione di difficoltà può invocare il suo aiuto pensando a lei e toccando il suolo. Così facendo potrà ricevere la sua benedizione contro le situazioni negative. Gentilezza, prosperità economica e la protezione contro le situazioni negative sono le proprietà di questa divinità

DESCRIZIONE:

Yant Pha Ya Kai Thuen
È il simbolo del primo Buddha e significa “gallo selvaggio” perché il primo Buddha era solito assumere le sembianze di un gallo.
Questo yant rappresenta una protezione contro le avversità della natura, aumenta l’empatia verso gli altri ed è di buon auspico per quanto riguarda l’aspetto economico della vita. Essendo un Master Yant, va tatuato tatuarsi nella parte alta e centrale della schiena.

Yant Sua Koo
Le proprietà dello yant delle due tigri che si fronteggiano sono autorità e fascino.
È consigliabile alloggiare questo yant nella parte frontale del torso o nella bassa schiena, non è tatuabile al di sotto della vita.

Chakkawan-fah-crop
La persona che porta questo yant viene circondata da una protezione che si espande su otto direzioni come il Phet Tidt e le sue proprietà sono quelle di sicurezza e protezione dai pericoli.
Questo yant può essere alloggiato in diverse parti del corpo tranne che al di sotto di raffigurazioni di animali e al di sotto della vita.

Sua Wang Lang
La tigre che si volta indietro è un Sak Yant che i thai reputano una protezione molto forte, diciamo quasi materna. La tigre che si volta con tutta la sua ferocia è in realtà una tigre amorevole, infatti secondo le credenze dei thai, il possente felino proteggerebbe la persona che la porta vigilando su qualsiasi pericolo possa minacciare il suo possessore. Appena la regina della Jungla percepisce un pericolo o una minaccia per la persona che la ospita, questa si gira per individuarlo pronta all’attacco, scongiurando qualsiasi situazione malevola.

Phet Tidt
Il Phet Tidt è lo yant che protegge nelle otto direzioni evocando la protezione di Buddha attorno alla persona che lo porta. Si racconta che i monaci (e non solo) fossero soliti tracciare questo ottagramma sul suolo prima di accingersi alla meditazione per avere una cortina magica che li proteggesse da bestie feroci e animali velenosi quando si trovavano in territori ostili come la jungla.
Come posizione per essere tatuato, questo yant è adatto sia alla parte frontale che alla parte posteriore del corpo, non tatuabile ovviamente al di sotto della vita.

Yant Ta Kor
La sfera di rattan, lo yant dell’invulnerabilità. Secondo le credenze thai, lo yant Ta Kor renderebbe la pelle di chi lo porta dura e flessibile allo stesso tempo come una palla di rattan, rendendo il proprio possessore praticamente invulnerabile a qualsiasi fendente.
Questo yant può essere tatuato in diverse parti del corpo compreso il capo ma non al di sotto della vita.

Yant Sorod
Questo yant rappresenta per il suo portatore la benedizione della divinità che alloggia nella sedicesima classe del paradiso. Lo Yant Sorod racchiude in se più yant: uno contro le energie negative, uno di auspicio economico, uno legato alla fortuna, dei kata sulla forza di Buddha e quattro kata legati ai poteri delle divinità più importanti.

Yant Sarika
Contenente il kata dei cinque Buddha, Na Mo Phut Tha Ya, secondo le credenze thai, è una potente protezione contro tutti i pericoli. Tatuabile in diverse parti del corpo escluse quelle al di sotto della vita.